I incontro

Primo Incontro: Novembre – Dicembre 2003

Il Filorosso e i suoi Amici

  • Angiolo Bandinelli: noto uomo di politica e di lettere, traduttore, scrittore, poeta, in italiano e romanesco, si è sempre battuto per la libertà al di fuori di ogni facile e dogmatico schematismo. Da sempre amico del Filorosso.
  • Gianluca Bocchinfuso: giovane critico ed insegnante, di lui è da rilevare in particolare la capacità di osservazione del testo: è uno di quei professori che “sta davanti alla cattedra”
  • Luigi Durazzo: poeta e traduttore molto fine, estremamente attento alla sua terra (Monte di Procida) e ad un linguaggio vario, intenso e articolato. Grande cultore di greco moderno.
  • Giampaolo Feriani: veronese, amante della poesia dialettale della Bassa, ottiene grandissimi risultati come cantore della Provincia e della campagna.
  • Francesco Graziano: direttore e fondatore della rivista, squisito poeta, attentissimo critico, infaticabile divulgatore della cultura nelle scuole, nel territorio, e nel contempo profondissimo conoscitore della storia della nostra letteratura antica e moderna.
  • Gina Guarasci: preside di scuola, come Graziano è innamorata della propria terra, la Calabria, della quale studia i più vari aspetti storiografici. Importantissimo un suo saggio sulla seta in Calabria
  • Salvatore Jemma: bolognese, instacanbile operatore culturale, poeta, assai amico di Roberto Roversi di cui condivide molte scelte anche di carattere politico. Uno dei più fedeli sostenitori del filorosso.
  • Rossano Onano: di Reggio Emilia, psichiatra, autore di libri di poesia dove la  militanza poetica si fonda con i drammi che la professione gli fa conoscere e con un senso della storia non comune.
  • Roberto Roversi: famosissimo operatore culturale e poeta, vigile e critico osservatore dell’Italia, amico e collaboratore attivo delle massime personalità che hanno fatto poesia e cultura in Italia.
  • Annalisa Saccà: professoressa universitaria negli USA, poetessa, di origine calabrese, siciliana, greca… ponte internazionale tra una regione d’Italia e gli studenti americani di letteratura italiana.
  • Fiorentino Sarro: architetto e designer, direttore di collane di una importante casa editrice, si è avvicinato sempre più alla narrativa, vera e propria sua seconda passione, con risultati che eccellono per la freschezza e la vitalità.
  • Bepi Sartori: veronese come Feriani, Sartori, inscindibilmente legato al tempo della nostra vita contadina e primonovecentesca, poeta dialettale, molto presente in pubbliche performances, affermato anche nella poesia religiosa.
  • Valter Vecellio: giornalista Rai, come Bandinelli molto impegnato in politica, è amico del Filorosso in particolare come critico cinematografico. E’ osservatore privilegiato di culture diverse, vero e proprio ponte tra Occidente e Oriente.